Opinioni
Opinione, di ,

La campagna “Punto su di te”, provocazione che stana il pregiudizio

La campagna “Punto su di te” voluta da Pubblicità Progresso affronta in modo originale i vari volti della discriminazione sul lavoro, in famiglia, nelle relazioni di coppia, partendo dal concetto che la prima forma di discriminazione consiste nel negare che quella discriminazione esista. È stata ideata da Young & Rubicam mentre Isobar, l’agenzia di comunicazione che dirigo, si è occupata dell’ideazione e della produzione del sito web che è il fulcro di tutta la strategia di comunicazione.

L’obiettivo è proprio la provocazione, perché il pregiudizio sessista non è affatto così evidente né così scontato come generalmente si tende a credere. L’ennesima campagna a difesa del genere non avrebbe, credo, suscitato la stessa attenzione e dunque ritengo che l’obiettivo sia stato raggiunto.

Peraltro l’investimento concreto sulle donne ed il loro coinvolgimento si concentra all’interno di www.puntosudite.it, il portale che nasce proprio come supporto e naturale evoluzione della campagna sociale contro le discriminazioni di genere. Al suo interno l’utente può trovare non soltanto informazioni e materiali relativi alla campagna e all’Associazione, ma anche strumenti di servizio.

La sezione “TROVA” ospita un motore di ricerca dedicato, che aiuta l’utente a individuare iniziative, centri di accoglienza e supporto. Inserendo la categoria (famiglia, educazione, cultura, lavoro, violenza, salute) e l’area di interesse, con un semplice click è possibile accedere a un ricco database di informazioni.

La sezione “CONOSCI” fornisce un elenco di siti, utili e interessanti, che la rete offre come supporto alle necessità delle donne; l’elenco viene aggiornato periodicamente per procurare informazioni sempre aggiornate e fresche.

Il portale infatti non si limita a offrire informazioni, ma stimola anche il pubblico ad una partecipazione attiva per la promozione di un vero cambiamento culturale. Tramite la sezione “INTERVIENI”, infatti, l’utente è invitato a segnalare una pubblicità scorretta allo IAP, a evidenziare attraverso Youtube un video ritenuto lesivo dell’immagine femminile, oppure a indicare siti, blog, progetti e iniziative coerenti con la promozione della parità di genere.

Un news feed, aggiornato quotidianamente e presente in tutte le pagine, segnala i link agli articoli online e agli approfondimenti cartacei più interessanti. Grazie a un aggregatore social è poi possibile seguire tutti gli aggiornamenti del profilo Twitter @pubbliprogresso relativi al tema della lotta contro la discriminazione di genere.

E molto altro seguirà nel corso di quest’anno. “Stay tuned“!