Lifestyle
Approfondimento, di ,

Borsa, passaporto e qualche gadget. Adesso prenota il primo volo

App gratuite da scaricare, e-reader per leggere le guide più aggiornate, convertitori, antifurto per computer: tutta la teconologia che può servire per rendere la propria avventura nel mondo più comoda e divertente

Hai un’idea in mente: fare un viaggio da sola. Ci pensi da un po’ di tempo, intanto le settimane passano e tu sei ancora lì. Cosa aspetti? Il coraggio? Ce ne vuole di più a restare. La motivazione e il momento giusto arriveranno.

Mentre aspetti di capire che il momento giusto è adesso, ci sono alcune cose che puoi fare per prepararti alla partenza. Puoi iniziare facendo un giro su Viaggiare da soli, che, a dispetto del nome, è stato creato da una donna, Francesca Di Pietro. Qui troverai la spinta giusta: racconti di molte donne che come l’autrice hanno affrontato viaggi in solitaria spinte dai motivi più disparati. Leggerai storie di ricerche personali, epifanie, ma anche incertezze e dubbi. Capirai che abbiamo tutte le stesse paure, ma che spesso sono paure ingiustificate.

Anche su Viaggiare low cost troverai spunti utili. Oltre ai consigli per spendere poco in viaggio, in questo blog Giulia Raciti raccoglie le esperienze maturate in 30 mesi con lo zaino in spalla. A 31 anni ha mollato la vita in ufficio e ha iniziato il suo giro intorno al mondo: oltre a splendidi resoconti, nei suoi post raccoglie riflessioni personali, spiegando come il viaggio ti faccia cambiare e come sia in realtà una sfida di per sé. Dà anche molti suggerimenti pratici, ad esempio come evitare pericoli se si è donne in viaggio da sole, quali rimedi naturali portarsi in valigia e come preparare lo zaino.

Ora non resta che raccogliere qualche strumento che può rivelarsi utile in viaggio. Scaricare subito Trip It, una app gratuita disponibile per dispositivi Apple e Android, accessibile anche da browser. Connettendola al tuo account di posta elettronica (Gmail, Yahoo, Outlook), pescherà da sola dalle tue email i dati del tuo prossimo viaggio – codice di prenotazione di treni e voli, orari, indirizzo dell’hotel o del ristorante – e li raccoglierà ordinatamente in una singola pagina dedicata all’itinerario, che rimarrà visibile anche offline. Niente più informazioni sparse tra sms, email e post-it. Trip it permette anche di pubblicare in automatico sui tuoi profili social il progresso della tua avventura, per aggiornare amici e follower.

E se sei solita portare con te una guida, valuta seriamente l’idea di comprarla in formato digitale e viaggiare con un e-reader. È vero, la carta avrà sempre il suo fascino, ma l’e-book è vantaggioso sotto molti punti di vista. Per prima cosa, alcune case editrici mettono a disposizione singoli capitoli in pdf: se stai pianificando un safari in Kenya, con la versione e-book delle Lonely Planet puoi decidere di non comprare la sezione su Nairobi e informarti sui parchi Amboseli e Tsavo scaricando solo il capitolo Kenya meridionale, a 3,90€. Su certe mete le guide cartacee offrono solo volumi generici di più di 1000 pagine, che a volte, durante il viaggio, si trasformano in pesanti ingombri nella borsa: decisamente preferibili i pochi grammi di un e-reader.

Un altro strumento molto utile quando si viaggia all’estero è un convertitore: magari sei bravissima con la matematica, ma dopo una giornata stancante vorresti capire in fretta se il ristorante dove stai per entrare ha prezzi assurdi sul menù. XE è una app gratuita per Apple e Android con tassi di cambio sempre aggiornati che permette di convertire un valore in decine di valute, anche offline. Perfetta per evitare fregature.

E per evitare anche spiacevoli sorprese può far comodo un antifurto per computer. La scena tipica: sei in un caffé a lavorare con il tuo notebook, sfruttando la wifi aperta. Devi andare alla toilette: smonti tutto e lo porti con te? Non sarebbe più comodo legarlo in modo sicuro alla postazione? Forse ti è anche capitato di viaggiare con il laptop nello zaino, con il timore costante che qualcuno te lo sfili senza che tu te ne accorga. Meglio legarlo alla borsa, ma come? L’ideale è un lucchetto per computer. Costano dai 5€ in su e i più famosi sono i Kensington; con un cavo e un codice ti permetteranno di uscire dalla tua camera di albergo leggera, lasciando il computer legato a un supporto fisso al sicuro nella stanza, anche se non c’è una safety box a disposizione.

Ci sono molti altri strumenti che potresti trovare utili per il tuo viaggio, ma già con questi sarai pronta per partire. Anche se – è sicuro – tu pronta per partire lo sei già.